Cambiamo la finanza per cambiare l'Italia!

Bancanote Blog

Cambiamo la finanza per cambiare l'Italia!

15 Gennaio 2013

L’Italia si avvia a nuove elezioni. Candidati, alleanze, volti nuovi e vecchi monopolizzano l'attenzione dei media. Il dibattito è – ancora una volta – focalizzato su chi prenderà il potere e su come intende suddividerlo.

Crediamo, insieme alle migliaia di persone e organizzazioni che rendono Banca Etica un'esperienza unica di democrazia economica e finanza etica, che ci siano anche altre priorità. 

Questa crisi è stata causata in larga parte dalle distorsioni di una finanza sempre più lontana dai cittadini e dalle imprese che creano occupazione producendo beni e servizi utili. Una finanza speculativa cui la politica non ha saputo imporre regole trasparenti.

Come tutti siamo chiamati a scegliere chi ci governerà, ma per farlo vogliamo sapere cosa i leader politici intendono fare sui temi della finanza: perché da qui dobbiamo ripartire per dare futuro al welfare, all'imprenditoria e all'occupazione in Italia.

Poniamo alle forze politiche e ai loro leader 5 domande, consapevoli che dalle loro risposte dipenderà anche il nostro futuro:

  1. Tobin Tax - Intende migliorare l'attuale Tobin Tax al fine di arginare la finanza speculativa, i derivati e le transazioni giornaliere ultraveloci e di reperire risorse per welfare, ambiente  e cooperazione? Come?
  2. Paradisi Fiscali -  Realizzerà misure per contrastare la fuga di capitali verso i paradisi fiscali? Si impegnerà per ridurre la presenza in tali Paesi delle società italiane controllate dal Tesoro?
  3. Azionariato Popolare - Rivedrà la tassazione sui piccoli risparmi in modo da non penalizzare le esperienze di democrazia economica e azionariato diffuso?
  4. Etica e Finanza – Si impegnerà per attuare la separazione tra banche commerciali al servizio dell’economia reale e istituti specializzati nel trading, così come auspicato da autorevoli commissioni indipendenti? Introdurrà una definizione normativa della finanza etica e per favorire le attività ad essa correlate incluso il microcredito?
  5. Basilea per il sociale – Terrà conto del rapporto dell’UE (Liikanen) che segnala il ruolo cruciale del sistema delle banche etiche e cooperative in risposta alla crisi? Chiederà una revisione degli accordi di Basilea affinché non penalizzino le banche etiche e cooperative e non ostacolino l’erogazione di credito a favore delle realtà del Terzo Settore?

La regolamentazione finanziaria è un tema che riguarda tutti, per questo abbiamo attivato una petizione sulla piattaforma Change.org per dare a tutti la possibilità di testimoniare l'urgenza di posizioni chiare e concrete su questi temi.

Firma e fai firmare: http://www.change.org/it/petizioni/cambiamo-la-finanza-per-cambiare-l-italia

Commenti

Inviato da Anna Maria Savoia (non verificato) il 15 Gennaio 2013 - 5:13pm

sono favorevole perchè l'etica sia alla base dei rapporti umani, sociali, politici ed economici!

Inviato da Vitaliano Gidiucci (non verificato) il 16 Gennaio 2013 - 3:18pm

Bella e giusta iniziativa che va nella direzione di un riadeguamento e ridimensionamento del ruolo della finanza nella società ,più a servizio di imprese e famiglie e dell'economia reale che non strumento di pura speculazione con gli effetti devastanti che abbiamo visto derivarne.

Inviato da Bruno Misculin (non verificato) il 16 Gennaio 2013 - 4:19pm

Credo che solo il Movimento 5 Stelle abbia la giusta sensibilita e la possibilita (data la non dipendenza da lobbies) di sostenere concretamente questi cambiamenti, anche se per ora provvedimenti in ambito finanziario sono ancora relativamente poco sviluppati nel programma.

Inviato da giuliana Lilli (non verificato) il 16 Gennaio 2013 - 8:23pm

Va bene porre dei quesiti al governo che verrà,nell'attesa banca etica potrebbe farsi promotrice di campagne concrete, ad esempio riprendendo il discorso delle banche armate (vedi campagna lanciata da Nigrizia,Missione oggi,i Comboniani) o congiuntamente alla Charity Bank per questa ed altre cause etiche.Sarebbe bello ricevere una vostra opinione in merito,grazie,ciao

Inviato da Osvaldo da Pos (non verificato) il 16 Gennaio 2013 - 10:31pm

Mi sembra che non venga preso in considerazione un nodo cruciale, che invece è affrontato in altri paesi (per es. UK), e cioè "come controllare la finanza". Oggi la finanza è fuori controllo: che cosa si vuole fare per controllarla? Quale efficacia avra' l'eventuale iniziativa? Come si giustifica? Quali alternative sono possibili?

Inviato da Emanuela Amici (non verificato) il 21 Gennaio 2013 - 5:01pm

Azzardo una risposta da socia poco competente. La Tobin Tax e il controllo sui capitali dirottati nei paradisi fiscali vanno in questa direzione. La Banca ha aderito nel tempo a diverse campagne internazionali per regolamentare la finanza, ma forse essendo domande rivolte ai candidati a governare l'Italia, al massimo si può chiedere un impegno in sede europea, dato che il paese non rientra fra i maggiori mercati finanziari, al contrario dell'UK.

Inviato da Mauro Della Riscia (non verificato) il 17 Gennaio 2013 - 8:42am

Come operatore del credito appoggio pienamente i contenuti dell' appello. Fa specie che richieste come quelle sollevate dall'appello non rientrino nelle normali priorità del settore bancario, nella maggiorparte dei casi divenuti vuoti simulacri di ipocrite politiche di immagine. La speranza è che si torni a declinare nella prassi operativa quotidiana, il senso alto dei contenuti proposti all'attenzione della classe dirigente con questo appello.

Inviato da Del Bufalo Marco (non verificato) il 17 Gennaio 2013 - 3:24pm

Sono d'accordo con l'appello per una finanza più vicina ai cittadini e ai lavoratori e meno asservita ai gruppi industriali che si arricchiscono attraverso lo sfruttamento e l'imperialismo.

Inviato da Giovannni (non verificato) il 20 Gennaio 2013 - 8:56am

Condivido l'appello e lo inoltro agli amici, facciamo girare queste informazioni importanti, per un voto consapevole!

Inviato da luisa fiammetta... (non verificato) il 20 Gennaio 2013 - 10:55am

ho sceto Banca Etica per un uso responsabile del denaro

Inviato da Maria Pacifico (non verificato) il 20 Gennaio 2013 - 6:55pm

è una buona iniziativa dal momento che la finanza speculativa e fuori di ogni controllo è il motore della crisi in atto. Iniziative di questo genere perchè vengono così poco pubblicizzate e promosse?

Inviato da Giuseppe marzia... (non verificato) il 21 Gennaio 2013 - 7:06am

I vostri 5 punti si possono riassumere in uno solo riportare in vigore la lex Genucia del 340 ac, questa legge vietava l usura, e per usura si intende qualunque interesse sopra lo zero, e l usura la base della finanza

Inviato da Giuseppe marzia... (non verificato) il 21 Gennaio 2013 - 7:07am

Mettere fuori legge l usura

Inviato da Maria Gecchele (non verificato) il 31 Gennaio 2013 - 12:28am

Condivido pienamente l' iniziativa e sono socia di una cooperativa di commercio equo solidale

LASCIA UN COMMENTO

CERCA BANCA ETICA VICINO A TE