IMAGO MUNDI: A CAGLIARI LA CULTURA NON È MAI STATA COSì DIVERTENTE E PER TUTTI

Bancanote Blog

IMAGO MUNDI: A CAGLIARI LA CULTURA NON È MAI STATA COSì DIVERTENTE E PER TUTTI

24 Novembre 2016

di Paolo Cignini, Italia che Cambia

L'Associazione Culturale Imago Mundi è nata per iniziativa di un gruppo di studenti dell'Università di Cagliari, nel 1992, con l'obiettivo di far conoscere e apprezzare la cultura, i monumenti e le tradizioni della città, coinvolgendo la popolazione.

Oggi l’associazione conta tre dipendenti e 13.500 volontari tra studenti universitari, liceali, alunni delle scuole medie e soci che hanno sposato il progetto. L’associazione organizza la manifestazione Monumenti Aperti: un’iniziativa nata nel 1997 volta alla riscoperta di tracce, segni e testimonianze del passato cittadino e sardo. Per due giorni i monumenti di Cagliari, e oggi anche di altre realtà più piccole della Sardegna, vengano aperti al pubblico e spiegati tramite visite guidate condotte da volontari, studenti e alunni delle scuole. Si vuole così differenziare e arricchire la fruizione dei beni pubblici, rendendo consapevoli i cittadini sardi dell'enorme patrimonio archeologico, architettonico, artistico e storico della regione.

La scuola adotta un monumento. "Il percorso didattico diventa così un vero e proprio progetto culturale -  ci spiega Fabrizio Frongia, presidente dell'Associazione Culturale Onlus Imago Mundi - con una modalità nuova di presentazione del ricco patrimonio archeologico e architettonico della nostra terra. Cerchiamo di fare in modo che lo studente, attraverso i temi, gli articoli di giornale, gli scritti, i saggi brevi, possa impadronirsi del bene di prossimità, cioè del bene che va adottare o individualmente o come gruppo classe." Ci sono istituti che aderiscono alla manifestazione con tanti professori e studenti, con un approccio multidisciplinare facendo così in modo che ognuno, in base all’età, possa raccontare il bene di prossimità nella maniera a più consona. La trasversalità tra ordini e gradi dell'istruzione ne fa un progetto unico tra le manifestazioni culturali italiane.

Monumenti Aperti ha una rilevanza regionale ben solida, con quasi centomila visitatori ed è nata anche un'edizione piemontese della manifestazione a Santo Stefano Balbo, paese natale di Cesare Pavese.

La manifestazione gode del patrocinio degli assessorati al Turismo e ai Beni Culturali della Regione Sardegna. L’Amministrazione Regionale ha deciso di ampliare l’evento a tutto il territorio sardo e non solo a Cagliari, allo scopo di incentivare un turismo interno che oggi sembra in costante espansione.

 

All'interno di Monumenti Aperti sono nati dei programmi speciali come Monumenti in Musica, dove le visite guidate vengono animate con momenti e pillole musicali realizzati da studenti del conservatorio, professionisti, volontari e autodidatti, e Cultura Senza Barriere dove sono stati studiati percorsi per non udenti e non vedenti e, andando anche oltre la sola accessibilità, si sono organizzate visite guidate dirette da persone dalle diverse abilità fino ad arrivare ai nuovi cittadini: "A Cagliari dei senegalesi hanno adottato un lazzaretto sul mare, che è una delle prime cose che vedono quando la nave arriva sul porto. Lo raccontano in francese, ad altri nuovi cittadini che arrivano per la prima volta in città, e in italiano spiegano poi cosa ha rappresentato e rappresenta il bene adottato" ci spiega Frongia.

"L'intervento di Banca Etica è stato veramente essenziale, ci ha consentito di avere un'anticipazione sulle deliberazioni dei Comuni, risparmiandoci  tempo prezioso grazie a un fido con anticipazione sul conto, che ci consente di avere una liquidità immediata con cui far fronte soprattutto alle collaborazioni di persone e service che ci occorrono per organizzare la manifestazione".

LASCIA UN COMMENTO

CERCA BANCA ETICA VICINO A TE