Ultim'ora: Commercio delle armi, legge 185, primo risultato raggiunto

Bancanote Blog

Ultim'ora: Commercio delle armi, legge 185, primo risultato raggiunto

24 Novembre 2010

Dopo la denuncia della Rete Italiana Disarmo e della Tavola della pace e l'iniziativa di alcuni senatori (Silvana Amati, Roberto Di Giovan Paolo, Gian Piero Scanu), la Commissione Politiche dell'Unione Europea del Senato ha deciso di rinviare il voto sulla legge - previsto per il 23 novembre - che delegherebbe il Governo a modificare la legge 185/90 sul commercio delle armi.
 

Vai al Comunicato Stampa sulle ragioni della campagna.

Segue l'appello Fermiamo i mercanti di armi: giù le mani dalla legge 185.

***
Fermiamo i mercanti di armi: giù le mani dalla legge 185!
Appello di Rete Italiana per il Disarmo e di Tavola della Pace

La legge 185 del 1990, ottenuta grazie ad una vasta mobilitazione della società civile per mettere sotto controllo l'export italiano di armi, sta per essere smantellata dal Governo che pretende una delega di modifica dal Parlamento.
In questi giorni il Senato e poi la Camera dei Deputati saranno chiamati a votare una legge che consegnerà al Governo la possibilità di rilanciare la vendita di armi italiane nel mondo: per “snellire le procedure” si riducono fortemente anche i limiti e i controlli sulle esportazioni di armamenti. Per ottenere questa delega il Governo ha nascosto il disegno di legge dentro un’altra legge (la cosiddetta “Comunitaria 2010” di ratifica di disposizioni europee, sulla quale sembra intenzionato a porsi potrebbe anche porre il voto di fiducia).
Bisogna mobilitarsi quanto prima, per questo chiediamo a ciascuno di sottoscrivere il seguente appello ed inviarlo ai Senatori e Deputati della propria regione. Per sottoscrizioni ufficiali da parte di Associazioni, Enti, gruppi e dei presidenti/referenti degli stessi si prega di contattare i riferimenti sottostanti.

“Onorevole Senatore, onorevole Deputato

sono venuto a conoscenza che nei prossimi giorni Lei dovrà votare la Legge Comunitaria 2010, al cui interno è stato inserito un dispositivo che delega il Governo a modificare la legge 185/90 sul commercio di armamenti.

In questo modo il Governo potrà intervenire su una materia estremamente  delicata senza alcun confronto democratico riducendo i controlli e la trasparenza sull’esportazione di armi italiane nel mondo.

Per questo, Le chiedo di ascoltare l’appello promosso dalla Rete Italiana per il Disarmo e dalla Tavola della Pace e votare per lo stralcio di tale emendamento e per il non utilizzo dello strumento di legge delega per la modifica della normativa sull’export di armi”.

www.disarmo.org
www.perlapace.it

CERCA BANCA ETICA VICINO A TE