“Donne, Etica e Finanza” – con Dacia Maraini e in videoconferenza Elsa Fornero, ministro del Welfare e delle pari opportunità

01/01/0001

 

Per celebrare la Giornata Mondiale della Donna e l'anniversario della fondazione di Banca Etica, avvenuta proprio l’8 marzo di 13 anni fa, Banca Etica organizza un'iniziativa intitolata: "Donne, Etica e Finanza”. L'appuntamento è per lunedì 5 marzo dalle ore 17 alle 20 presso la Casa internazionale delle Donne in via della Lungara 19, Roma.

La Banca d'Italia lo ha detto chiaramente se l'occupazione femminile in Italia raggiungesse il 60% (come da impegni presi a Lisbona), il PIL italiano crescerebbe del 7%. Per ogni 100 donne che lavorano si creano 15 posti di lavoro aggiuntivi nel settore dei servizi. Ma sono ancora molti gli ostacoli culturali, organizzativi ed economici che rallentano il percorso verso il raggiungimento di una piena parità tra uomini e donne sul mercato del lavoro e nella ripartizione delle responsabilità famigliari. La Finanza Etica nasce per supportare un'economia sostenibile, a misura di donne e uomini. Non a caso il 30% dei finanziamenti erogati da Banca Etica vanno a favore di imprese cooperative attive nei servizi di cura alle persone più fragili: servizi che quando sono accessibili e di qualità alleviano parte dei carichi di lavoro delle donne permettendo loro una più piena realizzazione sul mercato del lavoro. La crisi può diventare occasione per sperimentare nuovi modelli economici cooperativi che favoriscano una più piena ed equilibrata realizzazione dei progetti di vita di ciascun individuo. A partire da questi spunti Banca Etica vuol festeggiare il suo 13° compleanno raccogliendo input e spunti per un'economia e una finanza più eque anche dal punto di vista delle disparità di genere.

E’ previsto un collegamento video con il ministro del Welfare e delle Pari Opportunità, Elsa Fornero.

Successivamente Sabina Siniscalchi, consigliere di amministrazione di Banca Etica, avvierà il dibattito offrendo al pubblico alcune riflessioni iniziali che evidenziano come la crisi abbia avuto un impatto ancora più negativo sulla popolazione femminile di tutti i paesi colpiti. I dati dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro attestano che i licenziamenti e l'aumento della precarietà lavorativa dal 2007 ad oggi toccano soprattutto le donne. In Italia il tasso di disoccupazione giovanile, tra i più alti d'Europa, sfiora ormai il 30% per i ragazzi sotto i 30 anni, ma sale al 50% per le ragazze. La Commissione delle Nazioni Unite sullo stato delle donne (CSW) riunita fino al 9 marzo al Palazzo di Vetro, esprime grave preoccupazione per il peggioramento della condizione femminile, provocato oltre che dalla perdita del reddito da lavoro, dai forti tagli alla spesa sociale praticati dagli stati per contenere il disavanzo pubblico. La povertà di massa è soprattutto povertà femminile, il 70% dei poveri assoluti nel mondo sono donne. Le donne sono le principali generatrici di reddito famigliare, ma rimangono escluse dall'accesso a risorse fondamentali per lo sviluppo economico, come il credito, la proprietà della terra e di altri strumenti di produzione, la formazione e la tecnologia. Nelle società industriali subiscono una forte disparità nelle retribuzioni e nella carriera professionale, nell'Unione Europea il divario medio dei guadagni tra uomini e donne è del 17,4%.
Nonostante questa drammatica situazione, questo clima che gli economisti definiscono “sfavorevole”, le donne sono protagoniste di iniziative finanziarie solide, basti pensare al microcredito, sono le artefici di progetti e attività economiche di grande successo, basate sull'innovazione, la promozione della comunità, la partecipazione.

PROGRAMMA

SALUTI ISTITUZIONALI
Donella Mattesini, Parlamentare
Cecilia D'Elia, vicepresidente Provincia di Roma

 

RIFLESSIONI INIZIALI
Sabina Siniscalchi, CdA Banca Etica

INTERVENTO VIDEO DEL MINISTRO DEL WELFARE; DEL LAVORO E DELLE PARI OPPORTUNITÀ ELSA FORNERO

TAVOLA ROTONDA CON:
Cinzia Cimini, Mag Roma
Paola Masi, Casa Internazionale delle donne
Marcella Corsi, Economista, Università "La Sapienza"

RIFLESSIONI FINALI
Dacia Maraini, scrittrice

Coordina: Francesca Caferri , La Repubblica e Se Non Ora Quando

Durante il seminario sarà possibile visionare la mostra fotografica "Dignità e libertà" di Letizia Battaglia.

Al termine della serata brindisi conviviale.

 

CERCA BANCA ETICA VICINO A TE