COME RICHIEDERE L'ANTICIPO DELLA CASSA INTEGRAZIONE

Bancanote Blog

COME RICHIEDERE L'ANTICIPO DELLA CASSA INTEGRAZIONE

3 Aprile 2020

Banca Etica aderisce alla convenzione ABI per l’anticipo della cassa integrazione ai lavoratori e alle lavoratrici. Abbiamo scelto di offrire questo particolare tipo credito a tasso zero e senza costi aggiuntivi per le persone già socie o clienti che faranno la richiesta.

La convenzione fa riferimento alle recenti misure del decreto Cura Italia e prevede l'anticipo in conto corrente un importo forfettario complessivo fino a un massimo di 1.400 euro.

Il prestito si estinguerà al momento del versamento da parte dell’INPS dell’indennità prevista o, in ogni caso, entro 7 mesi dall’erogazione.

Se sei socio/a o cliente di Banca Etica e vuoi richiedere l’anticipazione della Cassa Integrazione scrivi una mail a:

cig@bancaetica.com

specificando i seguenti dati ed allegando i seguenti documenti:

Dati da inserire nella mail

  • Nome e Cognome del richiedente
  • Numero del tuo conto corrente di Banca Etica

Documenti da allegare

In base alle indicazioni ricevute dal tuo datore di lavoro scarica e compila il modulo adeguato:

  • Per i dipendenti di imprese che hanno presentato domanda per trattamento ordinario di integrazione salariale. Scarica il modulo>
  • Per i dipendenti di imprese che hanno presentato domanda di trattamento integrazione salariale in deroga. Scarica il modulo>

Avvertenze

  • Con la compilazione degli allegati di cui sopra, i soci e clienti interessati autorizzano la banca a prelevare dal proprio conto corrente una somma pari a quanto complessivamente dovuto in conseguenza dell’anticipazione, non appena sul conto verranno accreditate le somme dovute dall’INPS (a tal fine autorizza domiciliazione del versamento dello stipendio e importi relativi al contributo di trattamento)

Commenti

Inviato da Luciana Cacioli il 9 Aprile 2020 - 5:00pm

Vi ringrazio del servizio tempestivo che avete attivato

Inviato da Azzurra il 10 Aprile 2020 - 10:36am

Grazie per le informazioni corrette e gentili e soprattutto tempestive.

Grazie <3

Inviato da Giovanni grazie il 11 Aprile 2020 - 2:35am

Se la banca del cliente non esiste perché per esempio il conto corrente è postale come ci si deve regolare ?

Inviato da Banca Etica il 11 Aprile 2020 - 1:34pm

Gentile Giovanni, ad oggi l'anticipo della cassa integrazione avviene attraverso una richiesta da inviare alla propria banca dove si possiede il conto corrente. Questo grazie ad una convenzione ABI (Associazione Bancaria Italiana) a cui le banche aderiscono. L’elenco delle banche aderenti è disponibile sul sito www.abi.it Banca Etica ha aderito fin da subito alla convenzione ABI e  informato i propri clienti e soci sull'iter da seguire per procedere con la richiesta di anticipo cassa integrazione. Nel suo caso la invitiamo a chiedere informazioni direttamente alle Poste Italiane, dove intrattiene il rapporto di conto corrente, per capire quali sono le modalità da seguire per poter accedere a tale servizio.
Un saluto cordiale, Roberta - Ufficio Cultura Mutualità e Comunicazione di Banca Etica

Inviato da Ambra Lisa il 11 Aprile 2020 - 8:29pm

se l’azienda non possiede ancora il codice protocollo dall’INPS si può richiedere ugualmente?

Inviato da Banca Etica il 14 Aprile 2020 - 4:57pm

Gentile Ambra Lisa, grazie per averci contattato. Se sei già cliente di Banca Etica puoi procedere con la richiesta di anticipo cassa integrazione inviando una email a cig@bancaetica.com indicando il tuo nome e cognome, numero del conto corrente e, in base alle indicazioni ricevute dal tuo datore di lavoro, allegando la documentazione predisposta dall’ABI (Associazione Bancaria Italiana), a seconda del trattamento di integrazione salariale richiesto. Nell’articolo del nostro blog trovi tutte queste informazioni compresi i moduli https://www.bancaetica.it/blog/news/come-richiedere-lanticipo-della-cass...
Puoi procedere anche se l’azienda non possiede ancora il codice protocollo dall’INPS. In questo caso è importante che ci siano forniti tutti i documenti elencati nell’allegato 4. Qui il link: https://www.abi.it/Documents/Allegato%20A%29%20CIGO%20ex%20Covid-19%2030...
Un cordiale saluto, Roberta - Ufficio Cultura, Mutualità e Comunicazione Banca Etica

Inviato da Andrea il 13 Aprile 2020 - 1:28pm

Buongiorno, se la mia banca non ha aderito, ho letto che si può aprire un conto corrente ad hoc per poter mettere i soldi della casa integrazione, come funziona?

Inviato da Banca Etica il 14 Aprile 2020 - 5:15pm

Gentile Andrea, l'anticipo della cassa integrazione avviene attraverso una richiesta da inviare alla propria banca dove si possiede il conto corrente. Questo grazie ad una convenzione ABI (Associazione Bancaria Italiana) a cui le banche aderiscono. Al 10 aprile 2020, quasi il 94% delle banche in Italia ha aderito alla Convenzione, l’elenco è disponibile sul sito www.abi.it Hai già verificato con la tua banca se si sono attivati?
Al momento, Banca Etica fornisce questo servizio solo alle persone già socie o clienti. Se non sei ancora nostro cliente, ti consigliamo di chiedere prima informazioni alla Banca dove hai già attivo il tuo rapporto di conto corrente, sicuramente ti sapranno dare le specifiche di cui necessiti. Un saluto cordiale, Roberta - Ufficio Cultura, Mutualità e Comunicazione di Banca Etica

Inviato da Roberta Affronti il 13 Aprile 2020 - 2:16pm

Buongiorno, l importo anticipato è di 1400euro o è in base alla bustapaga del lavoratore?
Inoltre, se l importo supera i 1400euro,sarà pooi l'inps a versare la differenza?

Inviato da Banca Etica il 14 Aprile 2020 - 5:19pm

Gentile Roberta,
l’anticipazione verrà messa a disposizione direttamente sul conto corrente di accredito dello stipendio tramite un’apertura di credito in conto corrente, per un importo massimo forfettario di 1.400 euro ridotto proporzionalmente in caso di durata inferiore (rispetto alle 9 settimane di Cassa Integrazione Guadagni - CIG) e in caso di rapporto a tempo parziale.
L’apertura di credito cesserà con il versamento da parte dell’INPS del trattamento di integrazione salariale– che avrà effetto solutorio del debito maturato – e, comunque, non potrà avere durata superiore a sette mesi.
Qualora l'importo complessivo della Cig (Cassa integrazione guadagni) fosse superiore ai 1.400 euro, sarà la stessa banca a integrare la differenza, una volta incassate le risorse extra dall'Istituto di previdenza INPS.
Trovi tutte queste informazioni a questo link, nel documento “Testo della convenzione” https://www.abi.it/Pagine/news/AccordoABIpartisocialianticipoCig.aspx
Un saluto cordiale, Roberta - Ufficio Cultura, Mutualità e Comunicazione di Banca Etica

Inviato da Elena il 14 Aprile 2020 - 5:55am

Buongiorno,
vorrei sapere cosa succede se l’INPS non verserà la cassa integrazione entro i 7 mesi previsti.
Grazie
Elena

Inviato da Banca Etica il 14 Aprile 2020 - 5:22pm

Gentile Elena,
l’anticipazione verrà messa a disposizione direttamente sul conto corrente di accredito dello stipendio tramite un’apertura di credito in conto corrente, per un importo massimo forfettario di 1.400 euro ridotto proporzionalmente in caso di durata inferiore (rispetto alle 9 settimane di Cassa Integrazione Guadagni - CIG) e in caso di rapporto a tempo parziale.
L’apertura di credito si estingue con il versamento da parte dell’INPS del trattamento di integrazione salariale– che avrà effetto solutorio del debito maturato – e, comunque, non potrà avere durata superiore a sette mesi.
Attenzione però:
“Qualora la domanda di trattamento di integrazione salariale, o la richiesta di pagamento diretto, per l’emergenza Covid-19, non sia stata accolta dall’Ente competente, il sottoscritto si impegna ad estinguere l’intero finanziamento citato entro trenta giorni dalla data di mancato accoglimento della richiesta di integrazione salariale ordinaria, ovvero del suo pagamento diretto, unitamente all'azienda datrice di lavoro, responsabile in solido nei casi di cui alla citata Convenzione.” Trovi queste informazioni a questo link “Testo della Convenzione” ABI (Associazione Bancaria Italiana) https://www.abi.it/Pagine/news/AccordoABIpartisocialianticipoCig.aspx
Un saluto cordiale, Roberta - Ufficio Cultura, Mutualità e Comunicazione di Banca Etica

Inviato da Michela il 14 Aprile 2020 - 10:00am

Salve,volevo capire i soldi della cassa integrazione quando viene fatto il pagamento dello stipendio dalla propria azienda è già dentro?
Siccome per me è la prima volta che sono in cassa integrazione non so come funzioni e questi 1400€ di cui si parla posso fare richiesta o no.
Grazie spero di essermi espressa abbastanza bene.

Inviato da Banca Etica il 14 Aprile 2020 - 5:51pm

Gentile Michela,
La Cassa Integrazione Guadagni (CIG) è un istituto previsto dalla legislazione italiana consistente in una prestazione economica, erogata dall'INPS o dall'INPGI, a favore dei lavoratori sospesi dall'obbligo di eseguire la prestazione lavorativa o che lavorino a orario ridotto. Si distingue tra ordinaria o CIGO (con risorse degli stessi INPS o INPGI) e straordinaria o CIGS (con risorse del Ministero del lavoro e delle politiche sociali).
L’obiettivo è quello di venire incontro alle aziende che si trovano in momentanea difficoltà, sgravandole in parte dei costi della manodopera temporaneamente non utilizzata.
Come funziona in pratica? L’azienda chiede la CIG (Cassa Integrazione Guadagni), l’INPS paga/eroga 9 settimane di stipendio a favore dei lavoratori sospesi. A disciplinare il meccanismo che consente di andare in banca e chiedere un’anticipazione rispetto ai tempi ordinari di versamento dei trattamenti relativi a tutte le forme di integrazione salariale è una convenzione siglata tra sindacati, imprese e l’Associazione bancaria italiana (ABI). Con questa convenzione le banche aderenti, anticipano i soldi della CIG con uno scoperto di conto di importo massimo forfettario di 1.400 euro ridotto proporzionalmente in caso di durata inferiore (rispetto alle 9 settimane di CIG) e in caso di rapporto a tempo parziale. Appena l’INPS eroga la CIG la banca estingue lo scoperto di conto corrente.
Attenzione però: “Qualora la domanda di trattamento di integrazione salariale, o la richiesta di pagamento diretto, per l’emergenza Covid-19, non sia stata accolta dall’Ente competente, il sottoscritto si impegna ad estinguere l’intero finanziamento citato entro trenta giorni dalla data di mancato accoglimento della richiesta di integrazione salariale ordinaria, ovvero del suo pagamento diretto, unitamente all'azienda datrice di lavoro, responsabile in solido nei casi di cui alla citata Convenzione.”
Ti consigliamo di verificare con il tuo datore di lavoro la tipologia di trattamento di integrazione salariale attivata, in modo da presentare la documentazione necessaria alla tua banca dove hai attivato il conto corrente. Un saluto cordiale, Roberta - Ufficio Cultura, Mutualità e Comunicazione di Banca Etica

Inviato da Gaetano il 14 Aprile 2020 - 1:59pm

Salve se non sono vostro cliente non e possibile fare la domanda di anticipo cassa integrazione aprendo un conto corrente da voi?
Grazie

Inviato da Banca Etica il 14 Aprile 2020 - 5:24pm

Gentile Gaetano, l'anticipo della cassa integrazione avviene attraverso una richiesta da inviare alla propria banca dove si possiede il conto corrente. Questo grazie ad una convenzione ABI (Associazione Bancaria Italiana) a cui le banche aderiscono. Al 10 aprile 2020, quasi il 94% delle banche in Italia ha aderito alla Convenzione, l’elenco è disponibile sul sito www.abi.it Hai già verificato con la tua banca se si sono attivati?
Al momento, Banca Etica fornisce questo servizio solo alle persone già socie o clienti. Se non sei ancora nostro cliente, ti consigliamo di chiedere prima informazioni alla Banca dove hai già attivo il tuo rapporto di conto corrente, sicuramente ti sapranno dare le specifiche di cui necessiti. Un saluto cordiale, Roberta - Ufficio Cultura, Mutualità e Comunicazione di Banca Etica

LASCIA UN COMMENTO

CERCA BANCA ETICA VICINO A TE