L’IMPRESA AD IMPATTO SOCIALE NELLO SCENERAIO DELLA PANDEMIA

Bancanote Blog

L’IMPRESA AD IMPATTO SOCIALE NELLO SCENERAIO DELLA PANDEMIA

15 Giugno 2021

In collaborazione con l'Associazione Isnet

L’ indagine 2020 dell’Osservatorio Isnet ha analizzato situazione  delle imprese a vocazione sociale dopo la crisi pandemica, osservando  (a partire dai dati di un “panel” di 500 realtà) la loro capacità di risposta all’emergenza sanitaria, economica e sociale le ricadute sull’andamento economico e occupazionale e sulla propensione all’innovazione e al cambiamento.

I dati mostrano come, nonostante le tante difficoltà, le imprese a impatto sociale abbiano dimostrato una buona capacità di resilienza e adattamento alle mutate condizione dei mercati: quasi il 70% delle imprese ha infatti continuato ad esercitare la propria attività principale anche dopo il primo lockdown di marzo.

Grafico 1 - Proseguimento di almeno una delle attività in conformità ad uno o più codici Ateco previsti dal DPCM del 23/3/2020. Fonte Osservatorio Isnet XIV edizione - Panel 400 imprese sociali

Nel confronto pre e post Covid, si è ridotto ad un +0,3% l’incremento previsto (+4,2%) di posti di lavoro. Ma la tenuta dell’occupazione c’è stata, seppure variabile a seconda del settore di attività. Con un vantaggio per le realtà che si occupano di servizi alla persona e sanità rispetto a quelle del commercio al dettaglio e della manifattura. E L’occupazione ha tenuto nel 2020 malgrado l’inevitabile e previsto calo delle entrate: -9,1% di volume rispetto alle previsioni di raggiungere un +5,7% senza pandemia.

Grafico 2 - Andamento occupazionale serie storica. Fonte Osservatorio Isnet XIV edizione - Panel 400 imprese sociali

Grafico 3 - Andamento del volume delle entrate serie storica. Fonte Osservatorio Isnet XIV edizione - Panel 400 imprese sociali

 

Ancora una volta, come già rilevato nelle precedenti edizioni, l’Osservatorio conferma il posizionamento dell’impresa a impatto sociale come impresa vocata alla valorizzazione del lavoro, verificando la relazione, non scontata, tra andamento economico e occupazionale: se il fatturato diminuisce la decrescita dell’occupazione c’è ma è sempre molto contenuta; se il fatturato aumenta crescono in modo importante gli indici occupazionali.

Interpellate sulle iniziative di innovazione adottate durante il lockdown, solo il 52,2% delle imprese ha dichiarato di aver investito negli ambiti considerati dall’indagine – nuovi prodotti, nuove tipologie di clienti, nuove aree mercato, revisione processi e organizzazione, ecc. - mentre lo scorso anno era l’86,2%. Il motivo principale di questo calo è dato dall’urgenza di affrontare i problemi e le difficoltà quotidiane date dall’emergenza, differendo la pianificazione di medio e lungo termine. L’insufficiente liquidità finanziaria (48,0%) e l’eccesso di burocrazia (49,6%), sono tra i principali limiti/difficoltà nell’affrontare l’effetto Covid-19 da febbraio ad oggi.  Nonostante la diminuzione degli indici di innovazione per lo sviluppo a medio e lungo termine, da febbraio 2020 le imprese hanno però attivato processi comunitari: valorizzazione delle risorse locali (66,8%), contributo a reti territoriali per affrontare l’emergenza (72,6%), collaborazioni con la pubblica amministrazione (78%), coinvolgimento degli abitanti della comunità con ideali comuni (56,5%), offerta di servizi mancanti alla comunità (76,1%), risposta a bisogni specifici della popolazione (79,1%), contributo alla ricostruzione e al rafforzamento del tessuto della comunità (77,3%).

Si è assistito a un rafforzamento dei legami comunitari: molte imprese sociali sono scese in campo adattando prodotti e servizi e rivedendo processi di gestione, coinvolgendo attori e reti territoriali. E’ il caso ad esempio, delle svariate iniziative di riconversione dei reparti produttivi nella realizzazione di mascherine ad impatto sociale ed ambientale, o dell’attivazione di spazi di animazione dedicati ai nuovi bisogni dettati dal lockdown e servizi di supporto psicologico per tutta la popolazione;  ancora, diffusissime in tutta Italia, le iniziative di consegna a domicilio di farmaci, di pasti e generi alimentari Le imprese hanno spesso collaborato  con altri  attori del territorio:  dalle altre organizzazioni di privato sociale, alle imprese for profit, alle istituzioni e ai cittadini.

Per meglio comprendere il rapporto tra propensione all’attivazione di reti, innovazione e tenuta del lavoro, è interessante evidenziare il confronto tra la porzione di campione che ha risposto positivamente su tutti gli item considerati (le 7 variabili presentate piu sopra – grafico 4 - indicate dal 55,5% del Panel) e la porzione con almeno una delle sette variabili indicata come “aspetto che non ci riguarda”(pari al restante 44,5% del campione).  Le imprese sociali del primo gruppo risultano meglio performanti sia sul versante del lavoro che della propensione all’innovazione: il 24% delle “imprese sociali attivatrici” hanno infatti migliorato nell’ultimo semestre i prodotti e servizi contro il 15,7% delle imprese “non attivatrici” (+8,3%); hanno migliorato i processi e l’organizzazione interna una su due delle imprese del primo gruppo contro il 33% del secondo (+17%); dichiarano personale in aumento il 15,8% del primo gruppo contro il 12,9% del secondo (+2,9%).

La finanza etica svolge un importante ruolo di supporto ai processi di innovazione sociale:

  • Nel 2020, le organizzazioni che hanno ottenuto finanziamenti da Banca Etica hanno inserito al lavoro oltre 1.000 persone svantaggiate e assistito 33.000 persone. Leggi di più nel Report di Impatto.
  • La Banca sostiene la capitalizzazione delle imprese sia cooperative (prestito personale di capitalizzazione per i soci) che delle società di capitali (raccolta di capitale di rischio tramite le piattaforme di equity crowdfunding Starsup ed Ecomill)
  • Per incrementare le risorse finanziarie da destinare a progetti di innovazione sociale, i clienti di Banca Etica possono scegliere in questi giorni un Prestito Obbligazionario Ordinario per finanziare così cooperative sociali impegnate nell’economia della cura e dell’inclusione sociale.
  • Fine luglio il bando “Innovare in Rete”, per accompagnare startup, spin-off, PMI ed Enti del Terzo Settore che abbiano già incubato o sviluppato iniziative sui temi di ambiente, mobilità ed efficienza energetica; welfare, salute e qualità della vita o economia circolare.
  • Il Gruppo Banca Etica sostiene imprese innovative anche grazie a percorsi di impact investing realizzati dalla SICAF AImpact.

Foto di Jess Bailey 

LASCIA UN COMMENTO

CERCA BANCA ETICA VICINO A TE