PER SALVARE IL CLIMA, CAMBIAMO LA FINANZA

Bancanote Blog

PER SALVARE IL CLIMA, CAMBIAMO LA FINANZA

24 Settembre 2020

Nessuno può più fingere di non sapere: le banche - e con loro le società di gestione del risparmio e le assicurazioni e tutta la finanza - hanno grandi responsabilità nei cambiamenti climatici che stanno sconvolgendo la vita sul pianeta. Dietro ai giganti del petrolio e del carbone e alle grandi industrie più inquinanti ci sono infatti sempre gli investimenti che le banche fanno con i soldi dei risparmiatori.

Secondo un rapporto diffuso in queste settimane dalle organizzazioni Stand.Earth (che opera in Canada e negli Stati Uniti) e dalla californiana Amazon Watch, 19 banche europee hanno finanziato massicce operazioni petrolifere in Amazzonia con ovvie conseguenze negative sui cambiamenti climatici a danno delle comunità indigene, con ripercussioni a livello globale, visto che l’Amazzonia è il polmone verde del Pianeta.

Banktrack, organizzazione internazionale che monitora gli impatti sociali e ambientali delle scelte delle banche, spiega: “Le banche, come tutte le aziende, producono gas serra direttamente attraverso le loro attività. Tuttavia, il loro contributo più importante alle emissioni di gas serra è indiretto, attraverso il finanziamento di clienti e progetti che generano emissioni. Le banche continuano inoltre a svolgere un ruolo chiave come principali finanziatori dell'industria del carbone, del petrolio e del gas, ritardando di fatto la transizione tanto necessaria da un'economia basata sui combustibili fossili a un'economia basata sull'efficienza e sulle energie rinnovabili. Per impedire che la crisi climatica si sviluppi ulteriormente e porre fine alla nostra dipendenza dai combustibili fossili, le banche devono smettere di finanziare l'industria dei combustibili fossili. Ma questo non sta accadendo! Secondo il nostro ultimo rapporto "Banking on Climate Change", pubblicato nel marzo 2020, tra il 2016 e il 2019 solo 35 banche globali del settore privato hanno incanalato l'incredibile cifra di 2,7 trilioni di dollari in progetti e aziende di combustibili fossili a livello globale. Più di 975 miliardi di dollari di questi investimenti sono andati all'espansione dell'industria dei combustibili fossili”.

Pure la campagna statunitense “Stop The Money Pipeline” - anche con la voce dell’indomabile Jane Fonda - sta risvegliando l’attenzione degli investitori americani (e non solo) sul fatto che “se fermiamo il flusso di denaro, possiamo fermare il flusso del petrolio”.

Il movimento dei Fridays for Future - che il 25 settembre celebra in tutto il mondo la Giornata mondiale di mobilitazione per il clima - ha da subito messo al centro dell’azione il ruolo delle banche e il potere delle persone. Che possono scegliere: affidare i propri risparmi a chi continua ad aggravare la minaccia climatica, o invece rivolgersi a chi investe su progetti green e rispettosi dell’ambiente (oltre che dei diritti umani).

Il potere della finanza etica

La spinta dell’opinione pubblica sta inducendo molte banche a pubblicizzare alcuni prodotti finanziari “green”, senza tuttavia rinunciare a collocare anche prodotti che investono in fonti fossili e altre attività inquinanti. La finanza etica adotta criteri più selettivi rispetto alla finanza cosiddetta “sostenibile” o ESG nel valutare dove investire il denaro dei risparmiatori e degli investitori. Da oltre 20 anni il Gruppo Banca Etica è l’unico in Italia interamente dedito alla finanza etica che mette la tutela dell’ambiente e dei diritti delle persone al primo posto nelle scelte di investimento. Una politica radicale per coniugare rendimenti, tutela del risparmio e impatti socio-ambientali positivi che incontra sempre più il gradimento di persone e imprese: ad oggi Banca Etica raccoglie risparmio per 1,6 miliardi di euro ed eroga finanziamenti a imprese sociali, associazioni e famiglie per oltre un miliardo di euro. Etica Sgr - la società di gestione del risparmio del Gruppo - ha masse in gestione che ammontano a circa 5 miliardi di euro.

Chi sceglie i prodotti finanziari del Gruppo Banca Etica pretende la certezza che il proprio denaro sia usato per finanziare iniziative che - per quanto possibile - non rechino danni, ma anzi favoriscano quella crescita sostenibile e inclusiva, ancora più necessaria dopo lo shock della pandemia. Per questo lavoriamo a una rendicontazione sempre più precisa degli impatti della nostra attività.

Gli impatti ambientali del Gruppo Banca Etica

Banca Etica

  • Nel 2019 Banca Etica ha finanziato - con € 13,5 mln -  25 organizzazioni che, con i loro progetti nel campo delle rinnovabili e con interventi di efficientamento energetico, hanno permesso di evitare l’immissione in atmosfera di quasi 5mila tonnellate di CO2 (pari alla quantità di CO2 assorbita in un anno dal Parco delle Cinque Terre).

  • Altri 7,6 milioni di euro sono andati a progetti che hanno permesso di riciclare quasi 204 mila tonnellate di rifiuti (pari alla produzione annua di rifiuti della città di Messina).

  • Ancora: 3 milioni di euro sono andati a progetti di agricoltura biologica che hanno impegnato quasi 5mila ettari coltivati a biologico (pari a 7mila campi da calcio).

Tutti dettagli sono disponibili nel Report di impatto di Banca Etica.

E per il futuro immediato Banca Etica sta pianificando un rafforzamento dell'impegno per contrastare i cambiamenti climatici, con nuovi prodotti e servizi finanziari dedicati a sostenere imprese e persone che si impegnano per la riduzione delle emissioni.

Etica Sgr

Chi desidera gestire il proprio risparmio in modo etico può trovare risposte anche nei fondi comuni d'investimento di Etica Sgr, i quali presentano una rigorosa metodologia di selezione degli emittenti, che integra l’analisi ESG (dall’inglese “Environmental, Social and Governance” ambientale, sociale e di governance) e l’analisi finanziaria. 
Anche Etica Sgr lavora per ottenere - e rendicontare - l’impatto ambientale, sociale e di governance dei fondi, che va di pari passo all’obiettivo di ottenere potenziali performance finanziarie positive. Per esempio tra i risultati ambientali del 2019 emerge che, rispetto al mercato di riferimento (MSCI World Index in euro), i portafogli dei fondi di Etica Sgr presentano:

  • il 69% in più di società che hanno definito obiettivi di riduzione delle emissioni,
  • il 34% in più di società che si impegnano pubblicamente a ridurre l’utilizzo di acqua e aumentare l’efficienza idrica,
  • il 25% in più di società che sviluppano iniziative per ridurre i rifiuti generati.

Tutti dettagli sono disponibili nel Report di Impatto di Etica Sgr.

Per salvare il clima, cambiamo la finanza!
Scopri cosa puoi fare tu e condividi i nostri messaggi per salvare il clima >

 

Commenti

Inviato da Francesco Quaranta il 25 Settembre 2020 - 8:07am

Non funziona il collegamento di condivisione su facebook

Inviato da Stefano il 25 Settembre 2020 - 8:18am

Ottima iniziativa. Aggiungete, però, anche la possibilità di usare immagini e testi su Whatsapp. Grazie

Inviato da marco.gallicani il 25 Settembre 2020 - 11:03am

Gentili tutti e tutte,
i problemi dei tasti di condivisione dovrebbero essere risolti.
Grazie della segnalazione.
Un saluto cordiale
Marco

Inviato da f.somenzi7194@g... il 27 Settembre 2020 - 4:49pm

Okay

Inviato da VR il 27 Settembre 2020 - 6:36pm

Grazie per queste stimolanti e interpellanti notizie, rivolte alla nostra coscienza e esistenza.

LASCIA UN COMMENTO

CERCA BANCA ETICA VICINO A TE