Tu sei qui

Enrica Dato

Enrica Dato

"Avevo vent'anni quando andavo agli incontri in cui veniva spiegato il progetto di Banca Etica nella sede catanese di Manitese. Ero innamorata dell'idea di una banca senza scopo di lucro, ma allora non c'era l'ebanking e, senza sportelli, sembrava un sogno utopico. Inoltre il costo dei servizi era ovviamente non solo non competitivo rispetto alle altre banche, ma impossibile per me da reggere essendo studente che si manteneva con qualche lavoretto. Studiavo legge, ho sempre fatto volontariato e dopo qualche anno avrei avuto le mie esperienze di studio e nella cooperazione all'estero: due master, la missione per una ONG, l'ONU, poi di nuovo l'Italia e gli esami di avvocato, poi la fatica di lavorare in Italia dove i giovani (giovani insomma, nel frattempo già avvocato e ventottenne, ma tant'è...) devono lottare per essere considerati adulti. Per anni avevo il pensiero, rimasto tale, di riuscire a mettere da parte 5 o 10 mila euro per quei conti vincolati a minimo 5 anni che mi erano stati spiegati quando avevo vent'anni. L'apertura di un conto corrente è stato un forte desiderio che finalmente a un certo momento ho realizzato, e quando l'ho fatto i costi erano persino più bassi che altrove. Gli sportelli fisici ormai irrilevanti e la mia banca la migliore che sia mai esistita! Non sono mai riuscita a mettere dei soldi da parte nonostante lavori come avvocato, probabilmente perché fare soldi non è mai stato un mio obiettivo. Quel che è certo è che non cambierei Banca Etica con nessun'altra, non solo per gli obiettivi che ha nello Statuto, non solo per la trasparenza e per i progetti di cui si interessa e della distanza che tiene - a differenza di altre banche - da molte attività discutibili sotto vari profili, ma anche per l'estrema e rara disponibilità e gentilezza che - ho scoperto - in tutti quelli che ci lavorano. Non ho mai incontrato nessuno dei loro volti perché ho un conto esclusivamente online, ma quando ho contattato la filiale di Padova o altri canali e chiesto eccezionali servizi e dell'aiuto pratico sono stata realmente ascoltata e senza dubbio aiutata e supportata con accortezze che non erano né previste in contratto né scontate. Mi sono sentita trattata umanamente e non come un numero. Questo come cliente che non offre a una banca speciali risparmi è un fatto eccezionale. Non ho mai smesso di raccontare questa mia esperienza, e una mia cara amica spagnola che aveva sentito da me tanti anni fa questo nome a Milano, è finita qualche anno dopo a collaborare con Banca Etica versione spagnola appena avviata. Io non cambierei Banca Etica con nessun'altra e devo ringraziare una per una le persone che hanno avuto a Padova questa iniziativa anni fa, perché è anche grazie a loro se sono cresciuta con determinate sensibilià e se oggi come professionista ho scelto forniture (per luce, telefonia) pensando di avere la stessa attenzione che Banca Etica mi ha insegnato a vent'anni."

CERCA BANCA ETICA VICINO A TE