Tu sei qui

Daniela Freda

Daniela Freda

"Era il 2008. Lavoravo nel mondo della finanza ed ero alla ricerca di un senso. Mi sentivo stretta in un lavoro dove le richieste in termini di budget si scontravano con l'esercizio del pensiero critico, dove non c'era spazio per l'ascolto delle "persone". Mi ricaricavo il fine settimana operando come  volontaria allo sportello di microcredito della Caritas di Benevento. E proprio grazie all'impegno come volontaria ho sentito parlare per la prima volta di Banca Etica. Ricordo di aver pensato: "Banca Etica…Sì...immagino. Anche le peggiori banche armate hanno prodotti che devolvono pochi spiccioli a qualche buona causa....". Conoscevo il mondo della finanza e quasi mi faceva ridere che una banca avesse osato definirsi etica. Non è stato certo un colpo di fulmine, ma quel nome così sfidante, Banca Etica, nei giorni successivi mi è tornato in mente di continuo. Ho iniziato ad approfondire e così ho scoperto che davvero esiste un modo di fare finanza diverso, attento alle persone, alla comunità, all'ambiente. Una finanza giusta e anche sostenibile, capace di generare utile di bilancio, non beneficenza. L'8 marzo 2010 sono stata assunta in Banca Etica. Un giorno importante perché si festeggia la nascita di Banca Etica, con l’apertura della prima filiale a Padova. Ed è qui che mi sono sentita finalmente a casa. In questi quasi 12 anni di banca (prima alla filiale di Napoli, poi come responsabile culturale del sud) ho avuto modo di incontrare la bellezza, di veder realizzati tanti piccoli grandi sogni di imprese e persone, di conoscere tante storie. Di dare finalmente un senso al mio lavoro. Lavorare in Banca Etica è il mio impegno per la “generazione che non c'è”, per lasciare un pezzettino di mondo più giusto a chi verrà."

CERCA BANCA ETICA VICINO A TE