FONDO PENSIONE

  • A cosa serve la Previdenza Complementare?

    Le riforme pensionistiche degli anni ’90 prevedono il calcolo della pensione secondo i contributi versati e non più sulla base delle ultime retribuzioni (o degli ultimi redditi, per i lavoratori autonomi). Le pensioni del sistema obbligatorio potranno essere  quindi molto basse, riducendosi anche oltre il 50% rispetto all’ultima retribuzione. Per questo è importante poter contare anche su una pensione complementare da affiancare a quella di base.

  • Qual è la proposta di Banca Popolare Etica di Previdenza Complementare?

    La nostra proposta per la tua previdenza integrativa è PensPlan Profi, il fondo pensione aperto di Euregio Plus SGR SpA  che, grazie alla collaborazione con  Etica Sgr e Banca Etica, si caratterizza per l’investimento in strumenti finanziari con un elevato profilo di responsabilità sociale ed ambientale.

    Il Fondo è articolato in 5 comparti, ciascuno dei quali è caratterizzato da specifiche strategie di investimento, finalità e profilo di rischio:

    • Ethical Life High Growth
    • Ethical Life Growth
    • Ethical Life Balanced Growth
    • Ethical Life Conservative
    • Ethical Life Safe

    Un fondo pensione etico e innovativo

    • Selezione socio-ambientale dei titoli in portafoglio: a cura di Etica Sgr, la società di gestione del risparmio di Banca Etica.
    • Fondo di garanzia per la Microfinanza: l’adesione al Fondo comporta il versamento di un contributo di solidarietà annuo pari a 3 euro a garanzia di progetti di microfinanza e di sostegno finanziario tramite iniziative di crowdfunding gestiti da Banca Etica.

    Life Cycle
    Il Fondo mette gratuitamente a disposizione degli aderenti un sistema di avvisi automatici che suggeriscono una riallocazione dell'investimento previdenziale (facoltativa) basata su un principio life cycle, prevedendo una graduale riduzione del rischio finanziario sulla base dell’età anagrafica e del sesso dell’aderente.

  • A chi si rivolge il Fondo Pensione aperto PensPlan Profi?

    PensPlan Profi è un fondo pensione aperto a chiunque desideri costruire un piano di previdenza complementare, per sé o per un familiare (anche minore) fiscalmente a carico.

  • Quanto costa aderire a PensPlan Profi?

    I costi connessi all’adesione sono indicati nella "Scheda Costi" disponibile nel sito disponibile nel sito www.euregioplus.com. Scarica la scheda>>

  • Quali sono i vantaggi dell’adesione a PensPlan Profi?

    I vantaggi dell’adesione a PensPlan Profi sono numerosi:

    • Maggiore disponibilità economica per la tua vecchiaia grazie alla costituzione di una pensione integrativa, in aggiunta alla pensione pubblica
    • Possibilità di scegliere tra i diversi comparti a seconda della tua propensione al rischio e all’orizzonte temporale di investimento
    • Servizio di consulenza life cycle per definire lo scenario ottimale di investimento in base alla tua età
    • Gli under 18 sono esentati dal versamento delle spese annue amministrative direttamente a carico dell'aderente. Tale agevolazione è valida per gli anni antecedenti all'anno di compimento della maggiore età.

    Inoltre, sono previsti:

    • Agevolazioni fiscali per l’aderente. Possibilità di dedurre i contributi destinati al Fondo fino al tetto di 5.164,57 € annui e di beneficiare di una tassazione agevolata delle prestazioni pensionistiche assoggettate ad una aliquota variabile dal 15% (ridotta dello 0,30 per ogni anno di partecipazione alla previdenza complementare successivo al quindicesimo) al 9%
    • Contributo del datore di lavoro, se previsto dai contratti e dagli accordi collettivi, anche aziendali
    • Opportunità di beneficiare di una serie di anticipazioni.

  • PensPlan Profi prevede un versamento minimo obbligatorio?

    Sei tu che determini l'ammontare della contribuzione al Fondo: puoi versare quanto e quando vuoi. Non è previsto un importo minimo obbligatorio.

    Puoi decidere di versare contributi volontari o conferire anche il TFR (Trattamento di Fine Rapporto). In presenza di accordo aziendale, il datore di lavoro verserà il contributo concordato. Ovviamente, se non contribuisci, la tua posizione nel Fondo non cresce e diventa più difficile raggiungere una integrazione pensionistica adeguata.

  • Quando si maturano le prestazioni di PensPlan Profi? Cosa si riceverà?

    L'iscritto matura il diritto a ricevere la pensione complementare da parte di PensPlan Profi nel momento in cui ha maturato i requisiti per accedere al pensionamento obbligatorio e se è iscritto da almeno 5 anni ad una forma pensionistica complementare (si tiene conto anche di eventuali periodi in altri Fondi).
    E’ possibile ricevere in un’unica soluzione fino a metà del capitale maturato. Il rimanente verrà corrisposto in forma di rendita periodica con o senza reversibilità. Nel caso in cui il 70% del capitale accumulato, convertito in rendita, risulta inferiore alla metà dell’assegno sociale, è possibile richiedere che venga erogato in un’unica soluzione l’intero capitale maturato.

  • Prima di andare in pensione è possibile utilizzare il capitale accumulato?

    Sì, si possono ottenere delle anticipazioni sul capitale accumulato dopo almeno 8 anni di permanenza nel Fondo.
    L'anticipazione può essere concessa prima degli 8 anni solo per gravi motivi di salute.
    Se l'anticipazione è richiesta per l'acquisto o la ristrutturazione della prima casa, per l'iscritto o per i figli, il massimo richiedibile è il 75% del capitale; questo limite vale anche per le spese sanitarie di grave entità, per sé, per il coniuge o per i figli.
    Per ogni altra esigenza personale, trascorsi 8 anni, l'anticipazione è richiedibile nel limite massimo del 30% della posizione maturata.

    E’ prevista la possibilità di riscattare il 50% del capitale maturato nei seguenti casi:

    • dopo almeno 12 mesi di disoccupazione
    • ricorso da parte del datore di lavoro a procedure di mobilità
    • disoccupazione comprovata dopo un periodo di cassa integrazione guadagni
    • Cassa integrazione guadagni superiore ai 12 mesi senza cessazione dell’attività lavorativa.

    Inoltre,

    • Dopo almeno 48 mesi di disoccupazione si può riscattare il 100% del capitale maturato.

    La relativa tassazione è indicata nel documento sul regime fiscale del fondo.

    • Inoltre, al venir meno dei requisiti di partecipazione (ad esempio: cambio datore di lavoro per le adesioni su base collettiva, perdita dello status di lavoratore per le adesioni su base individuale), l'aderente può riscattare l'intera posizione individuale maturata.

  • Posso iscrivere a PensPlan Profi anche i familiari a carico?

    Sì. Nel caso di iscrizione di familiari fiscalmente a carico (ad esempio figli o coniuge) i contributi sono detratti solo dal capofamiglia. Resta fermo il limite annuo di 5.164,57 euro, comprensivo dei versamenti propri e di quelli dei familiari.
    Oltre al risparmio fiscale, i giovani iscritti beneficiano del vantaggio che possono maturare più facilmente i requisiti necessari ad ottenere la tassazione minima delle prestazioni. Inoltre, al momento dell'avvio della propria attività, potrebbero aver già maturato il requisito (8 anni di permanenza nel Fondo) per richiedere le anticipazioni per l'acquisto o la ristrutturazione della prima casa o per spese personali.

  • È possibile avere una stima della pensione che si sta maturando?

    Sì.

    • Puoi utilizzare un motore di calcolo tramite il quale puoi stimare la pensione complementare attesa, inserendo l'età, gli importi dei versamenti presunti e dei possibili rendimenti. Accedi al motore di calcolo >>

    Tale prospetto è molto utile per valutare l'opportunità di aumenti delle contribuzioni a PensPlan Profi, in vista di una pensione complementare più alta di quella che si andrà probabilmente a maturare con la contribuzione in corso. Tieni conto che si tratta di un mero strumento di stima.

    Inoltre,

    • nel corso del 2016 l’Inps ha avviato l’invio agli italiani della cosiddetta busta arancione nella quale sono indicati: la data prevista di pensionamento, l’ultima retribuzione o reddito percepiti, il valore del primo assegno di pensione e il tasso di sostituzione al lordo e al netto di tasse e contributi.
    • è possibile accedere ai dati della propria situazione previdenziale sul portale “La mia Pensione”.

  • Quali sono i vantaggi per il datore di lavoro?

    Tramite l’adesione ad un fondo pensione complementare, l’azienda può recuperare fino al 70% dei contributi versati, tramite i seguenti vantaggi fiscali:

    • Minor imposizione fiscale
    • Riduzione del costo del lavoro
    • Riduzione contributo previdenziale
    • Riduzione dal versamento dei contributi sociali
    • Quota TFR senza rivalutazione
    • Possibilità di versamento tramite F24.

CERCA BANCA ETICA VICINO A TE