Dimensione del testo
ALTO CONTRASTO (CHIARO)
ALTO CONTRASTO (SCURO)
FONT ACCESSIBILI
icon-git

GIT Lazio Nord

Gruppo di Iniziativa Territoriale di Banca Etica

Bilanci ed Energia

di Paolo Pulicani

All’inizio di ogni anno nuovo siamo di solito sommersi da una valanga di bilanci in cui tutte le aziende riassumono l’andamento dei loro affari nell’anno appena trascorso– vendite, guadagni perdite – e che vengono utilizzati per giudicare la salute delle imprese.

Ogni anno anche Terna, la società che gestisce le linee di alta tensione che trasportano l’elettricità in tutto il territorio italiano, pubblica il suo bilancio economico. Ma oltre a questo bilancio economico, Terna ne pubblica anche un altro: si tratta del bilancio del settore dell’energia elettrica nazionale.

E’ il primo dei due documenti interessanti che ci permettono di avere una indicazione di quanta energia consuma il nostro paese – l’altro documento è il Data Book annuale pubblicato dall’Unione Petrolifera, l’associazione costituita nel 1948 che riunisce e rappresenta le principali Aziende che operano in Italia nell’ambito della lavorazione, della logistica e della distribuzione dei prodotti petroliferi e dei biocarburanti. 

In questo articolo ci occuperemo della energia elettrica. Come per il bilancio economico, anche il bilancio del settore elettrico è fatto di ingressi (fonti primarie che vengono trasformate in energia elettrica) ed uscite (energia elettrica che viene utilizzata per vari usi finali).

La figura mostra il bilancio elettrico nazionale per l’anno 2018 tratto dai dati pubblicati da Terna. Sulla parte sinistra è indicata la produzione elettrica e sulla destra i consumi elettrici. I dati sono espressi in percentuale ed in Terawatt-ora (TWh) – un TWh è pari a un miliardo di kWh

Possiamo farci un’idea di quanta energia è un TWh utilizzando una unità di misura fittizia che chiameremo EUA (Energia Umana Annuale): un EUA è l’energia necessaria ad un essere umano medio durante un intero anno per restare in vita (metabolismo) ed eseguire le normali attività della vita (riposo, lavoro, etc.). Naturalmente il valore di un EUA dipende da vari fattori (sesso, età, peso, tipo di lavoro etc.) e quindi considereremo un valore medio che è pari a circa 1500 kWh all’anno.

PRODUZIONE

Vediamo dal diagramma che la quantità totale di energia elettrica richiesta dalla rete nel 2018 è stata pari a 321,4 TWh. Utilizzando la nostra unità di misura fittizia, questa quantità è equivalente alla energia di circa 214 milioni di esseri umani. Potremmo definirli i nostri “schiavi energetici” che sono a nostra disposizione per scaldare, raffreddare, illuminare, muovere le cose ed in genere aiutarci ad eseguire tutte le attività che noi riteniamo necessarie.

Ma da dove provengono questi 214 milioni di utili servitori? Questo lo possiamo leggere nella parte sinistra del diagramma:

1. 114,4 TWh (pari al 34,7%) è elettricità prodotta con fonti rinnovabili. Nella nostra unità di misura, stiamo parlando di più di 74 milioni di EUA: questi sono i nostri servitori rinnovabili. Li utilizziamo ma sappiamo che li avremo di nuovo a disposizione l’anno dopo, e l’anno dopo ancora e così via, perché vengono rigenerati in maniera naturale. Sono anche servitori indigeni, nel senso che vengono prodotti nel territorio italiano. La tabella seguente riassume la produzione elettrica da rinnovabili nel nostro paese per l’anno 2018 assieme alla indicazione del numero di EUA equivalenti:

FONTE                        TWh 2018                           % PROD.                         EUA

IDROELETTRICO          48,2                                 15,00%                            32.133.349

SOLARE                         22,3                                  6,90%                            14.866.674

EOLICO                          17,6                                  5,50%                            11.733.339

BIOENERGIE                 17,5                                  5,50%                            11.666.673

GEOTERMICO                5,8                                  1,60%                              3.866.669

TOTALE                       111,4                                 34,70%                            74.266.704

2. 166,7 TWh (164,4 TWh più 2,4 TWh per i pompaggi, pari al 56,9%) è elettricità prodotta con fonti non rinnovabili. Stiamo parlando di più di 111 milioni di EUA. Questi sono i nostri servitori non rinnovabili: li utilizziamo ma sappiamo che ogni anno che passa ce ne saranno sempre di meno e sono costosi. Infatti sono servitori che provengono quasi totalmente dall’estero (la produzione di carbone, gas e petrolio in Italia è assolutamente trascurabile rispetto ai consumi) e vanno a caricare il costo della nostra bolletta energetica nazionale – la somma totale che spendiamo annualmente per importare gas, carbone e petrolio. La tabella seguente riassume la produzione elettrica da fonti non rinnovabili nel nostro paese per l’anno 2018 assieme alla indicazione degli EUA equivalenti:

FONTE                           TWh 2018                           % PROD.                         EUA

CARBONE                         25,6                                  8,00%                            17.066.675

GAS NATURALE            125,5                                 42,70%                            83.666.709

ALTRI COMBUSTIBILI     15,6                                  4,90%                            10.400.005

TOTALE                           166,7                                 56,90%                          111.133.389

Inoltre i nostri servitori energetici non rinnovabili, nel fare il loro lavoro, respirano ed emettono CO2. Quanta? La tabella seguente mostra le emissioni di CO2 delle otto centrali elettriche a carbone attualmente in funzione in Italia:

Centrale                      Azienda            Potenza (MW)        Anno           Emissioni 

                                                                                       Commissioning    Mt/anno

Brindisi Sud               Enel                        2640                1991                       6,5

Fusina                         Enel                        976                  1964                       6,7

La Spezia                    Enel                        600                1967                         2

Sulcis                          Enel                        590                 1986                        1,1

Torrevaldaliga Nord   Enel                    1980                 2009                        9,7

Fiumesanto                 EP Produzione    640                 2003                        2,5

Monfalcone                A2A                        976                 2003                        6,3

Brescia                       A2a                           75                 1987                         0,21

TOT                                                          8477                                                   35,01

Vediamo che per eseguire il loro lavoro i nostri 17 milioni di servitori energetici al carbone emettono circa 35 milioni di tonnellate di CO2 all’anno, quindi circa 2050 kg di CO2 all’anno per ciascuno di loro. Per confronto, un essere umano medio emette con la respirazione circa 330 kg di CO2 all’anno. E per quanto riguarda i nostri servitori energetici che funzionano a gas naturale? I dati ISPRA indicano una emissione di 0,37 kg CO2 per ogni kWh prodotto usando gas naturale e quindi ogni servitore non rinnovabile che funziona a gas naturale emette in un anno 555 kg di CO2. I rimanenti servitori non rinnovabili (compresi sotto la voce altri combustibili) emettono in media in anno 1050 kg di CO2 ciascuno.

FONTE                                   Kg CO2 anno EUA           EUA                                 Mt CO2 anno

CARBONE                            2050                                  17.066.675                             35,0

GAS NATURALE                 555                                    83.666.709                              46,4

ALTRI COMBUSTIBILI       1050                                  10.400.005                              10,9

TOTALE                                                                        111.133.389                               92

Quindi, in totale, per fornirci i loro servizi i 111 milioni di lavoratori energetici non rinnovabili emettono ogni anno in atmosfera circa 92 Milioni di tonnellate di CO2 all’anno.

3. 43,9 TWh (pari al 13,7%) è elettricità che importiamo dall’estero attraverso i collegamenti elettrici gestiti da Terna che scambiano energia elettrica con i paesi europei confinanti (Francia, Svizzera, Austria, Montenegro, Grecia, Malta e Corsica) e corrispondono a circa 29 Milioni di EUA. Questi servitori in transito sono rinnovabili o non rinnovabili? Dipende da come vengono prodotti nei rispettivi paesi di origine. In generale si tratterà di un miscuglio tra rinnovabili e non rinnovabili. Per non fare una doppia contabilità si assume che la CO2 emessa da questi servitori sia contabilizzata nei paesi di origine.

CONSUMI

La parte a destra del diagramma ci mostra come utilizziamo i servizi forniti dai 214 milioni di servitori elettrici.

  1. 18 TWh sono le perdite della rete. In pratica il lavoro di 12 Milioni di EUA è necessario per trasportare tutti gli altri EUA nei luoghi in cui verranno impiegati. Quindi ci rimangono a disposizione 303,4 TWh pari al lavoro di 202 milioni di EUA per i seguenti usi.

  2. 5,8 TWh sono i nostri  3.870.000 contadini aggiuntivi che vengono impiegati in agricoltura per produrre cibo.

  3. 126,4 TWh sono i nostri circa 84 milioni di operai aggiuntivi che vengono impiegati nelle nostre industrie per fabbricare merci.

  4. i seguenti 106 TWh, sono circa 70 milioni di commercianti, impiegati, trasportatori, dipendenti pubblici aggiuntivi che fanno funzionare la nostra economia.

  5. infine i 65 TWh di usi domestici sono i nostri circa 43 milioni di maggiordomi che ci aiutano nelle faccende di casa.

Se dividiamo questi servitori aggiuntivi in media per ogni italiano (con l’avvertimento che si tratta di una media di Trilussa) otteniamo la seguente tabella:

                                 Numero                           Servitori
                                 serivtori                         per persona

Contadini                 3870000                         0,06

Operai                     84130000                         1,40

Impiegati                70500000                         1,18

Maggiordomi         43500000                         0,73

Totale                    202000000                         3,37

Quindi, in media, ogni singolo cittadino italiano ha a disposizione 3,37 servitori a tempo pieno 24 ore su 24.

Naturalmente questa non è tutta la storia della energia. Oltre alla energia elettrica il nostro paese consuma anche energia termica e carburanti e questi dati sono contenuti nel Data Book della Unione Petrolifera, ma l’analisi di questi ulteriori consumi è rimandata ad un prossimo articolo.

Potrebbero interessarti anche

Finanza etica

Numeri e consigli utili per le vacanze

Pubblicato il
17/06/2024

Storie ad impatto positivo

Visioni in movimento: vent’anni di graffiti nel cinema del reale

Pubblicato il
14/06/2024

Storie ad impatto positivo

Chi passa da Ostello Bello “prende parte” davvero al viaggio

Pubblicato il
06/06/2024

Storie ad impatto positivo

Dragolago: custodi del lago d’Orta

Pubblicato il
31/05/2024

Progetti dal Basso

⛰️Preparati a partire con Soci in Rete!

Pubblicato il
21/05/2024

Etica e cooperativa

I risultati dell’Assemblea 2024

Pubblicato il
20/05/2024

GIT Lazio Nord

Sostieni la Casa delle Donne LUCHA y SIESTA

Pubblicato il
04/11/2023

GIT Lazio Nord

La scoperta della filosofia pratica

Pubblicato il
22/12/2022

GIT Lazio Nord

HUMMUSTOWN Compassione e Cucina

Pubblicato il
22/12/2022

GIT Lazio Nord

Oggi ci saremo anche noi

Pubblicato il
19/03/2021