Dimensione del testo
ALTO CONTRASTO (CHIARO)
ALTO CONTRASTO (SCURO)
FONT ACCESSIBILI
icon-git

GIT Napoli

Gruppo di Iniziativa Territoriale di Banca Etica

#STOPTHEWARNOW Pasquale Adamo del GIT NAPOLI ci racconta la sua esperienza

Pasquale Adamo del GIT NAPOLI ci racconta la sua esperienza a Odessa, Mykolaiv e Cherson

Dal 30 marzo al 3 aprile 2023 STOPTHEWARNOW – Rete di 180 organizzazioni impegnate per fermare la guerra e costruire la pace attraverso azioni di nonviolenza – ha organizzato la V carovana della pace in terra d’Ucraina condividendo con le persone Ucraine che vivono a Odessa, Mykolaiv e Cherson alcuni giorni della loro vita, le loro ansie e le loro paure.

Dall’inizio della guerra in Ucraina, la rete STOPTHEWARNOW ha organizzato 5 carovane della pace condividendo con la popolazione ucraina centinaia di tonnellate di aiuti umanitari, generatori di corrente, dissalatori e l’evacuazione di oltre 1000 profughi, tra cui donne, bambini, anziani e disabili accolti in Itali. Questo è stato reso possibile grazie alla permanenza a Mykolaiv di corpi civili di pace italiani ( e non solo ) in stretta collaborazione con l’Associazione Papa Giovanni XXIII.

Non ero nuovo a esperienze come questa avendo partecipato nel 1992 alla marcia per la pace a Sarajevo e nel 1995 a Mostar, ma lo spirito che mi ha accompagnato in quest’anno di guerra fino alla V carovana della pace è stato il dolore di pensare che una guerra passata non insegna ad evitare il nascere di una nuova guerra. Gli essere umani di questi territori subiscono sempre gli stessi dolori e gli stessi lutti, dolori che non penetrano nei cuori di uomini che dovrebbero essere i tutori del benessere delle loro comunità. Eduardo De Filippo, in una nota commedia che racconta le brutture della guerra, affermava “Adda passà ‘a nuttata”, ma questa nuttata non passa mai!Mi viene naturale inveire contro tutte le economie che pongono le armi come elemento determinante nella crescita e nello stesso tempo non riesco a raccontarvi le emozioni vissute ma nulla può essere più forte delle parole di Papa Francesco usate nella lettera al Popolo Ucraino: “perché? Come possono degli uomini trattare così altri uomini?”Questo grido del Papa è un invito per tutti noi ad adoperarci per una economia senza le armi ed è lo stesso motivo per il quale, nel mio piccolo, ho scelto di diventare Socio di Banca Etica.

Potrebbero interessarti anche

Progetti dal Basso

⛰️Preparati a partire con Soci in Rete!

Pubblicato il
21/05/2024

Etica e cooperativa

I risultati dell’Assemblea 2024

Pubblicato il
20/05/2024

GIT Napoli

Onu: la pace (im)possibile?

Pubblicato il
18/11/2022