Dimensione del testo
ALTO CONTRASTO (CHIARO)
ALTO CONTRASTO (SCURO)
FONT ACCESSIBILI
icon-git

GIT Lazio Sud

Gruppo di iniziativa territoriale di riferimento dei soci di Banca Etica della città di Roma ( Roma Sud) e del Lazio meridionale ( provincia di Roma, Frosinone e Latina)

Crowdfunding

Il crowdfunding è una pratica di finanziamento collettivo che consente di raccogliere capitali per progetti o iniziative attraverso contributi di numerose persone, tipicamente via Internet. Questa modalità di finanziamento è diventata molto popolare negli ultimi anni e si presenta in diverse forme, ognuna con caratteristiche specifiche. Ecco una panoramica delle principali tipologie di crowdfunding:

  1. Crowdfunding basato su donazioni ( donation crowdfunding) : si ha quando gli individui donano denaro per supportare una causa o un progetto senza aspettarsi nulla in cambio, tranne la soddisfazione di aver contribuito. Ad esempio : Progetti di beneficenza, raccolte di fondi per emergenze, finanziamento di organizzazioni no-profit. Banca Etica sostiene la piattaforma Produzionidalbasso.com
  2. Crowdfunding basato su ricompense: si ha quando gli investitori ricevono una ricompensa non finanziaria in cambio del loro contributo. La ricompensa può variare da un ringraziamento pubblico a prodotti o servizi pre-lancio. Ad esempio: Kickstarter, Indiegogo.
  3. Crowdfunding basato su prestiti (peer-to-peer lending): si ha quando gli investitori prestano denaro a individui o imprese con l’aspettativa di ricevere indietro il capitale con gli interessi. È una forma di microfinanza in cui il prestatore assume direttamente su di se il rischio di non vedere restituito quanto prestato nei tempi e nei modi previsti.
  4. Crowdfunding basato su equity (equity crowdfunding): in questo caso gli investitori ricevono una quota di proprietà (equity) nella società in cambio del loro investimento. Questo tipo di crowdfunding è spesso utilizzato da startup e piccole imprese. Ad oggi la normativa offre

Vantaggi del Crowdfunding

  1. Accesso al capitale: Offre alle organizzazioni  un modo alternativo per raccogliere fondi senza dover necessariamente ricorrere ai tradizionali istituti finanziari.
  2. Validazione sociale : “Obbliga” le organizzazioni a lavorare sulla propria credibilità sociale  e sulla desiderabilità sociale del progetto  ( ovvero sull’interesse del mercato per un prodotto o servizio prima del suo lancio)
  3. Marketing e visibilità: Le campagne di crowdfunding possono aumentare la consapevolezza dell’importanza del progetto e attrarre l’attenzione dei media oltre a generare potenzialmente una pubblicità gratuita da parte di coloro che sostengono il progetto stesso
  4. Costruzione della comunità: Crea una base di sostenitori interessati al buon andamento del progetto ( nessuno investe tempo e denaro su qualcosa in cui non crede!) ponendo le premesse per un controllo “dal basso” continuo

Sfide del Crowdfunding

  1. Competizione: Il numero crescente di campagne può rendere difficile emergere e raggiungere gli obiettivi di finanziamento perchè si entra in competizione con altre campagne di raccolta promosse da altre organizzazioni
  2. Impegno di tempo e risorse: Gestire una campagna di crowdfunding di successo richiede un significativo impegno di tempo e risorse sia in fase di reperimento fondi che nella fase di rendicontazione dei risultati ottenuti ( come sono stati investiti i nostri soldi). A tale riguardo la massima trasparenza nella gestione dei fondi prestati e l’ottenimento dei risultati desiderati risulta la migliore premessa per incrementare la propria affidabilità in occasione di prossime campagne di crowdfunding
  3.  Rischio di fallimento della campagna: Non tutte le campagne raggiungono i loro obiettivi di finanziamento. Il fallimento può influire negativamente sulla reputazione del progetto.
  4. Garanzia nella gestione delle ricompense**: Qualsiasi forma di crowdfunding adottata, i promotori  devono garantire l’attribuzione tempestiva e corretta delle ricompense promesse, il che può essere logistico e costoso. Non sfugge a questa regola neanche il crowdfunding basato sulle donazioni, la cui ricompensa è il consentire agli investitori di partecipare

Considerazioni Etiche

  1. Trasparenza: È essenziale che i promotori delle campagne siano trasparenti riguardo all’uso dei fondi raccolti.
  2. Rischi per gli investitori: Gli investitori, specialmente in equity crowdfunding, devono essere consapevoli dei rischi associati, inclusa la possibilità di perdere l’intero investimento. Questa è la ragione per cui è consigliabile
  3. Responsabilità sociale estesa dei promotori: I promotori devono rispettare gli impegni verso gli investitori nella consapevolezza che il mancato rispetto degli stessi genera un danno diretto e indiretto alla più generale comunità dei crowdfunders .

In sintesi, il crowdfunding è uno strumento potente per raccogliere fondi e supportare progetti innovativi. Tuttavia, richiede una pianificazione accurata, trasparenza e un impegno significativo per avere successo.

 

(Giorgio Sciò)

Potrebbero interessarti anche

Storie ad impatto positivo

Visioni in movimento: vent’anni di graffiti nel cinema del reale

Pubblicato il
14/06/2024

Storie ad impatto positivo

Chi passa da Ostello Bello “prende parte” davvero al viaggio

Pubblicato il
06/06/2024

Storie ad impatto positivo

Dragolago: custodi del lago d’Orta

Pubblicato il
31/05/2024

Progetti dal Basso

⛰️Preparati a partire con Soci in Rete!

Pubblicato il
21/05/2024

Etica e cooperativa

I risultati dell’Assemblea 2024

Pubblicato il
20/05/2024

GIT Lazio Sud

Crowdfunding

Pubblicato il
31/05/2024

GIT Lazio Sud

BENI COMUNI: UNA PAROLA IN UN MINUTO

Pubblicato il
20/11/2023

GIT Lazio Sud

HUMMUSTOWN di Alessandro Calamea

Pubblicato il
07/12/2022